Il meglio del 2016. Last but not Least: KeinReverb.

February 1, 2017

Non vi libererete di noi, last but not least: KeinReverb

LIBRI/RIVISTE

Catalogo della mostra: Mucha e le atmosfere Art Nouveau (qui)

keinreverb

Rodolfo Bersaglia, Ancona Horror

Dal sublime all’orrido. Il collegamento è la città: la stessa massa di cemento che vede il mare tutto attorno a sé e che ospita tre o quattro perle di stile eclettico mi ha portato alla ricerca dell’Art Nouveau e dello spirito portuloto di una città in risveglio.

keinreverb

J. Mulot, F. Ruppert, La tecnica del Perineo (qui)

CINEMA E TV

Rogue One: A Star Wars Story, Gareth Edwards (qui)

(non fa posh, ma chi è stato cresciuto a pane e star wars, quando vede tutte quelle x-wing si commuove)

Dov’é Mario, Corrado Guzzanti (qui)

Tanta nostalgia di Guzzanti, al punto da fare un account con sky per accedere a tutte le puntate, gratis per i primi 30 giorni. Io non ho fatto in tempo a vedere oltre la seconda e ho dovuto disdire. Se l’avete vista tutta non svelatemi il finale.

MUSICA

Guido Moebius, Batagur Baska (qui)

(e comunque lui dal vivo è un’altra cosa!)

Iosonouncane, DIE (qui)

Bob Corn (qui)

Vabbe non ha fatto niente nel 2016 ma io l’ho scoperto l’anno scorso e ascoltato in uno spazio intimo, senza neanche un microfono, solo lui e la chitarra, è straordinario.

 

Royal Circus Ostrica (qui)

Quando non sei su nessun portale musicale e non c’è un’uscita discografica a tuo nome, allora sì che si può parlare di musica liquida.

LUOGHI

Kansas Smitty’s, Broadway Market, Londra, Regno Unito (qui)

Un locale jazz, che manco a Parigi negli anni 60, ma con divieto di fumare perciò le foto ti vengono più nitide.

Isola del Giglio, Italia (qui)

Bassano del Grappa, dai Fiorindi (qui)

La woodstock veneta.

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *