Diffondi libertà

Viviamo giorni malati. Amici miei, la disumanizzazione e l’arroganza vive sulle bocche dei nostri vicini, colleghi, famigliari. Vi prego di unirvi a me in questa presa di coscienza, perché non ha più senso girarsi dall’altra parte. Mi chiamo Irene e sono comasca. Questa frase fino a un mese fa non avrebbe significato altro se non quello che dice, ma oggi ha - e vuole avere - un connotato antifascista, perché Como non è quella macchietta nera che ho visto in…

Un libro e un caffé: Letture di aprile

Seconda puntata di un libro e un caffé, ecco qui sotto le mie letture d'aprile. Keep on reading, folks!  ● = punto pieno ○ = mezzo punto DOVREMMO ESSERE TUTTI FEMMINISTI - CHIMAMANDA NGOZI ADICHIE - EINAUDI *31 un romanzo di un’autrice donna ●●●○ Forse sarà a causa dell’enorme successo che ha avuto, ma sinceramente da “Dovremmo essere tutti femministi” mi aspettavo qualcosa di più. Diciamo che questa manciata di pagine può essere un ottimo inizio per chi è del tutto…

La magia di Paterson, Jim Jarmush

Jim Jarmush é un tipo molto cool, lo riconosci dall’importante ciuffo bianco e dai quasi onnipresenti occhiali neri. È uno che quando lo vedi ti viene in mente l’artista per antonomasia: schivo e intenso. A lui ci piace la musica vera e la musica vera la sa anche suonare, la sua anima frizza con la new wave e i suoi film li spennella con pezzi da brivido. L’avrete capito, a me Jim Jarmush piace proprio, é uno di quei registi…

UN LIBRO E UN CAFFé: LETTURE DI MARZO

Piccola premessa: sono stata ingarbugliata, causa eventi esterni (leggi libreria di via Volta ad Erba, Como), a partecipare all'Italian Book Challenge. In cosa consiste? Di base é una "sfida" tra lettori forti, che gareggiano a chi legge di più. Ovviamente io non arrivo da nessuna parte, ma é comunque un modo molto intelligente e divertente per sostenere le librerie indipendenti (si può partecipare solo attraverso di loro) e leggere libri che normalmente non compreremmo, perché ogni libro letto deve rientrare in…

Alone in berlin

Ognuno muore solo ● Alone in Berlin

La libreria è come la ricordavo: una navata di scaffali lucidi di legno scuro, vetrine illuminate con le novità della settimana. Un gradito, provvidenziale salto nel passato. Dalla porta, stranamente aperta, entrano il freddo natalizio e il rumore del traffico di Holland Park Avenue. Sto scorrendo da un po' le trame dei libri quando decido che ne ho abbastanza, e mi premuro di comunicarlo alla mia Misteriosa Complice. "Mi sono rotto le palle" irrompo "di romanzetti d'amore ambientati nella Germania…